L'ORATORIO DI PAVIA DI UDINE NASCE L'8 DICEMBRE 1989 DA UN PICCOLO SEME CHE PORTAVA CON SE' LA PASSIONE PER L'EDUCAZIONE. E' CRESCIUTO COME UNA RETE DI RELAZIONI CHE SI E' ALLARGATA OLTRE IL CONFINE DEI SUOI MURI. L'ORATORIO E' UNA COMUNITÀ APERTA DI GIOVANI, ADULTI, BAMBINI, FAMIGLIE, RELIGIOSE, LAICI, PARROCCHIANI, ...

Settimana dell'educazione - AniMare la comunità

  • Hits: 281

L' Oratorio don Bosco di Pavia di Udine presenta:

SETTIMANA DELL'EDUCAZIONE - AniMARE la comunità

Una settimana che vuole coinvolgere non solo bambini e ragazzi ma anche adulti, famiglie, educatori e tutta la comunità. Guarda la locandina per tutti gli eventi e segna in agenda!

Edu in 5G: laboratori educativi per elementari e medie

COPROGETTARE COMUNITA'

UNA COMUNITA' EDUCANTE DI FAMIGLIE PER LE FAMIGLIE

EQUO, GIUSTO, EDUCATIVO

CENA COMUNITARIA -clicca QUI per prenotare la cena-

Una proposta per i ragazzi, primi protagonisti della vita dell’Oratorio. Si intitola “Edu in 5G”. Da lunedì a venerdì, alla mattina per le elementari e al pomeriggio-sera per le medie, ci sono laboratori educativi sulle soft skills, le competenze di base utili per stare bene ed essere protagonisti della propria crescita. Non il solito centro estivo, ma uno spazio di comunità in cui sperimentare e apprendere assieme. 50 ragazzi pronti a cominciare da lunedì 28 agosto.


Oltre all’attività diretta, la Settimana dell’educazione vuole essere anche uno spazio di riflessione e confronto. Per questo ci sono tre appuntamenti dedicati agli adulti.


Il primo si terrà martedì 29 agosto alle ore 18.00 ed è un incontro aperto alla popolazione dal titolo "Coprogettare comunità". Abbiamo voluto dedicare uno spazio al confronto sugli strumenti e le forme delle relazioni fra i soggetti istituzionali che compongono la comunità. L’occasione è data dal fatto che l’Associazione Il Ponte, che da 20 anni è la forma giuridica attraverso cui è gestita l’attività dell’Oratorio Don Bosco, è divenuta Ente del Terzo Settore ed in questa veste è impegnata in due processi di coprogettazione con la Pubblica Amministrazione. In particolare la coprogettazione indetta dal Comune di Pavia di Udine per la gestione del Doposcuola è stata un’interessante esperienza di rivitalizzazione di un servizio in forte crisi.

Il dibattito che si sta sviluppando sul tema delle coprogrammazioni e le coprogettazioni (ad esempio l’inserto di Animazione sociale n° 362 - focus “Come collaborare per co-produrre il welfare locale? Idee e percorsi intorno a co-programmazione e co-progettazione” Testi di Nicola Basile, Raffaella Sirtori, Francesca Viganò, Franca Olivetti Manoukian, Dario Rei), ci ha stimolato a soffermarci su rischi e opportunità che questi nuovi strumenti offrono ed in particolare a chiederci se queste nuove forme e procedure istituzionali possano aprire uno spazio educativo di comunità.

Abbiamo pensato dunque ad un confronto fra i principali attori delle relazioni fra Pubblica Amministrazione e Enti del Terzo settore: amministratori, tecnici del pubblico, operatori professionali e volontari del privato sociale, ma anche persone, cittadini, famiglie che dei servizi e delle attività sono beneficiari e protagonisti.

Abbiamo quindi chiesto ad alcuni rappresentanti ed esperti che potessero portare delle esperienze e delle riflessioni per approfondire il tema. Non vuole essere un convegno esaustivo sul tema, ma appunto uno spazio di stimolo e confronto.

Il secondo incontro si terrà mercoledì 30 agosto alle ore 20.30 dal titolo “Una comunità educante di famiglie per le famiglie”.

Nell’edizione della settimana dell'educazione 2023 abbiamo voluto dedicare uno spazio al confronto sulle esperienze di solidarietà di prossimità e su come crescere come comunità educante capace di farsi carico delle situazioni di fragilità.

L’occasione è data dal fatto che l’Associazione Il Ponte, che da 20 anni è la forma giuridica attraverso cui è gestita l’attività dell’Oratorio Don Bosco, sperimenta l’essere una comunità di giovani, educatori, religiose, volontari e famiglie che reciprocamente sono promotori, gestori e destinatari della propria intenzionalità educativa ed è in continua ricerca di stimoli come crescere nella sua missione.

Conoscere il programma P.I.P.P.I., che dal 2010 è riconosciuto dal Dipartimento delle politiche per la famiglia della Presidenza del Consiglio come esperienza pilota nella prevenzione dell’istituzionalizzazione dei minori e che da alcuni anni è attuato anche nel territorio udinese, vuole essere il punto di partenza per una riflessione come essere comunità educante capace di valorizzare le risorse di ciascuno dei propri membri.

Abbiamo quindi chiesto ad alcuni rappresentanti ed esperti che potessero portare delle esperienze e delle riflessioni per approfondire il tema. Non vuole essere un convegno esaustivo sul tema, ma appunto uno spazio di stimolo e confronto.

Terzo e ultimo incontro sabato 2 settembre alle ore 16.30 dal titolo "Equo, giusto, solidale" un momento di racconto di progetti sostenuti dalla nostra bottega equosolidale Equiangolo.

A seguire ci sarà la Santa Messa di ringraziamento presso la Chiesa parrocchiale, successivamente l'aperitivo equo e solidale ed infine, nel parco festeggiamenti si svolgerà la cena comunitaria.