Insieme

FOGLIO SETTIMANALE 28/11 - 05/12

  • Scritto da Petrello Anna
  • Visite: 22

I DOMENICA DI AVVENTO - DOMENICA 28 NOVEMBRE 2021

DIO E' FEDELE ALLE SUE PROMESSE

L'Avvento , con cui inizia l'anno liturgico, si caratterizza come un tempo da vivere sotto il segno della venuta del Signore. E' infatti tempo di preparazione alla venuta storica del Figlio di Dio, ricordata nella solennità del Natale, ma anche tempo propizio per farsi attenti alla venuta escatologica del Signore. Si tratta di due venute reali, inscindibili, seppur dilatate nel tempo. Nella liturgia odierna la venuta di Gesù nella carne, il mistero dell'incarnazione, è adombrata nella voce profetica di Geremìa: il Signore manterrà, a suo tempo e nel modo noto a lui solo, le promesse fatte al suo popolo. Tra queste due venute si colloca il tempo della Chiesa, da vivere per ogni credente con buona coscienza per piacere a Dio. Di fronte alla logica edonistica imperante Gesù ci esorta a uno stile di vita sobrio che vigili sulle vibrazioni del proprio mondo interiore e che poggi sulla forza della preghiera e, di fronte all'insidia dell'individualismo, sta il caloroso invito di San Paolo a crescere nella fraternità.

Anche oggi l'uomo è diviso tra la paura per il futuro e la fede quasi cieca nella scienza e nella tecnologia che promettono sicurezza, benessere e salute. Il tempo di Avvento è un richiamo a non essere pigri per poter riconoscere i segni che annunciano il Signore che viene, l'unico Salvatore dell'uomo.

Foglio Settimanale

La Domenica

FOGLIO SETTIMANALE 21/11 - 28/11

  • Scritto da Petrello Anna
  • Visite: 32

NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO RE DELL’UNIVERSO - DOMENICA 21 NOVEMBRE 2021

LA SIGNORIA NELL’AMORE

Gesù è un re diverso dai potenti di questo mondo. La sua signoria non si impone con la violenza, ma si espande grazie alla testimonianza della verità. La sua voce la può ascoltare chi è dalla verità, chi si lascia generare da essa e trova l’autenticità di sé stesso nella verità delle relazioni con Dio, con gli altri, con le creature che popolano l’universo. Gesù realizza il suo Regno donando il proprio sangue per riconciliare anche i nemici. Accogliere la sua signoria significa, allora, volgere lo sguardo al trafitto, per imparare da lui ad amare e a vivere nel primato dell’amore. Come afferma il profeta Daniele (I Lettura), il regno di Gesù non sarà mai distrutto perché Gesù, proprio quando la sua vita sembra essere annientata, continua ad amare in modo pieno. A non essere distrutta è la forza di questo amore.

La nostra società deve recuperare le sue profonde radici cristiane. Ma potrà farlo solo se noi per primi rimetteremo Cristo al centro. Solo se lui tornerà ad essere il nostro Re, il nostro unico Signore, solo se il suo trono di gloria, la Croce, tornerà ad essere sorgente di luce e sapienza per tutto il popolo cristiano.

Oggi ricorrono la Giornata di preghiera per le claustrali, la 36a Giornata della gioventù e la Giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero.

Foglio Settimanale

La domenica

FOGLIO SETTIMANALE 14/11 - 21/11

  • Scritto da Petrello Anna
  • Visite: 55

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - DOMENICA 14 NOVEMBRE 2021

I POVERI, SEGNO DEL SIGNORE CHE VIENE

Oggi ricorre la 5a Giornata mondiale dei Poveri e il tema scelto dal Papa per quest’anno riprende l’evangelista Marco: «I poveri li avete sempre con voi». Dobbiamo scorgere la prossimità di Signore anche nei poveri che sono sempre con noi. Essi rimangono, così come non passano le parole del Signore. Il tempo passa, la Parola rimane per sempre con l’invito a servire i poveri per accogliere in loro il Signore che viene. 

In ogni tempo ci sono coloro che annunciano l’arrivo della fine del mondo con disastri e terremoti. Altri invece che rassicurano l’uomo narcotizzandolo in una vita senza timore né conversione. Il cristiano, invece, resta in vigile attesa dedito all’edificazione del Regno, obbediente alla parola del Signore.

Oggi ricorre la 5a Giornata mondiale dei Poveri.

Foglio Settimanale

La Domenica

FOGLIO SETTIMANALE 07/11 - 14/11

  • Scritto da Petrello Anna
  • Visite: 34

XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - 7 NOVEMBRE 2021

CON CUORE GRATO

La Giornata del ringraziamento che ricorre oggi ci sollecita a riconoscere il creato e tutte le sue ricchezze come dono di Dio, come espressione dell’amore del Padre e a cantare al Signore con cuore gratissimo: «Laudato si’».

Il culto gradito a Dio non è fatto di cose esteriori o della rinuncia del superfluo. Nella vedova del Vangelo Gesù indica come modello chi a Dio offre tutto, anche l’unico sostegno che gli resta per sopravvivere. Il più grande sacrificio che si può fare per Dio è una fede pura che si affida a lui.

Oggi ricorre la 71a Giornata del Ringraziamento

Foglio settimanale

La Domenica